Protesi monocompartimentale

La protesi di ginocchio monocompartimentale è una protesi di ultima generazione.

Questa tipologia di intervento viene spesso annoverata tra gli interventi considerati “miniinvasivi”.

Di fatto, con un intervento di questo tipo viene “rivestito” per mezzo di un impianto protesico solamente lo strato osteo-cartilagineo del compartimento coinvolto, preservando tutte le strutture capsulo-legamentose dell’articolazione.

Tra i vantaggi di questa tipologia di intervento vanno sicuramente menzionati i tempi di recupero, che diventano più rapidi e veloci.

Questo tipo di intervento è però a pannaggio di una nicchia ristretta di pazienti, l’indicazione all’intervento deve essere ponderata con grande attenzione da parte di un professionista esperto.

 

CASO CLINICO

 

PAZIENTE: 
Donna, 65 anni.

PROBLEMATICA: 
A causa di un problema all’anca dx con coxartrosi e dismetria sviluppava anche un’artrosi del compartimento esterno del ginocchio. Nel 2008 è stata sottoposta ad un intervento di protesizzazione dell’anca dx che ha risolto le problematiche del bacino (anca e lunghezza degli arti) ma restava ancora il problema al ginocchio, che riduceva in maniera importante le funzionalità dell’arto.

Diversi specialisti le hanno suggerito di sottoporsi ad intervento di protesi totale di ginocchio.

Noi abbiamo preferito eseguire una protesizzazione del solo compartimento esterno risparmiando i legamenti crociati ed i compartimenti interno e femoro-rotuleo che erano in buone condizioni.

Esame radiologico e risonanza magnetica eseguiti prima dell’intervento. Viene evidenziato in verde il comparto colpito da gonartrosi.

 

INTERVENTO:

Ad Ottobre 2017 è stato eseguito l’intervento chirurgico di sostituzione protesica monocompartimentale.

 

Esame radiologico di controllo ad 1 mese dall’ intervento. In questa lastra è ben evidente come la protesi monocompartimentale sia andata a sostituire solamente il comparto compromesso dall’ artrosi.

 

CONTROLLO A 1 MESE:

Oggi, ad 1 mese dall’intervento, la paziente che ha ripreso completamente le sue attività quotidiane e presenta un ottimo risultato radiografico

 

Esame radiologico di controllo ad 1 mese dall’ intervento. In questa lastra è ben evidente come la protesi monocompartimentale sia andata a sostituire solamente il comparto compromesso dall’ artrosi.



Contattami su Whatsapp
Segreteria
close slider

SEGRETERIA CUP



e.adriani@pec.it
segreteria@adriani.info
cell. 335 6510860